Question Marks

Sport e make up: odio o amore?

Un trucco leggero a prova di attività fisica: non un sogno, ma realtà, in poche semplici mosse

Francesca Pelucchi

Lo sport fa bene, questo si sa; spesso è anche un modo per fare nuove amicizie, conoscenze e, perché no, un’occasione per incontrare l’anima gemella. Ma come arrivare preparate, aka affascinanti come non mai, indossando tuta, scarpe da ginnastica e sfoggiando un “bel” viso acqua e sapone (quindi con brufoletti in evidenza, macchie, rughettine e occhiaie)? Sembra una missione impossibile, ma intraprendere un’attività sportiva un minimo truccate e in ordine si può. Basta seguire alcune facili regole.

«Partiamo da un assunto fondamentale: la pelle quando suda si modifica, cambia, i pori si dilatano e certamente prodotti come il fondotinta non sono i migliori alleati dello sport. Detto ciò basta saper scegliere alcuni prodotti, ed evitarne altri, per poter fare attività fisica truccate, sentendosi quindi belle e a proprio agio», spiega Francesca Stefani, make up artist Collistar.

Quali sono allora le mosse da adottare per evitare disastri? «Per cominciare la pelle dev’essere sana, ancor prima che truccata: va perciò ben idratata, soprattutto se si scelgono sport all’aperto, e va protetta dal sole, ma anche dallo smog con prodotti leggeri, ma dalle specifiche funzioni detossinanti e anti inquinamento».

E per quel che riguarda il make up vero e proprio, che prodotti scegliere? «Io sconsiglio l’uso di fondotinta, piuttosto suggerisco un correttore dalla consistenza fluida, leggera, che vada a coprire discromie e imperfezioni in punti precisi del viso e non sia spalmato su tutta la superficie della faccia. Questo perché il sudore andrebbe a “spostare” il fondotinta, per natura un prodotto leggero che si muove e svanisce facilmente, mentre un correttore, miratamente applicato, è più modulabile e resiste maggiormente agli effetti dell’umidità – meglio ancora se water resistant come il correttore Camouflage di Collistar. Attenzione però a una cosa: facendo sport la pelle si arrossa, quindi se si sono coperti dei brufoletti, ma non si è sfumato un po’ il correttore nelle zone circostanti, il rischio è che rimangano le macchie beige “coperte” dove la pelle si è arrossata… un “effetto pois” che vorremmo proprio evitare». 

 

Nemmeno i fondotinta in polvere possono ovviare ai danni del sudore? «In realtà usare un fondotinta in polvere può essere pure peggio perché il sudore rischia di rendere “poltiglia” la polvere e creare dei bruttissimi accumuli di prodotto sul viso o delle chiazze. Molto peggio, insomma, di qualche macchietta o discromia».

 

 Come truccare, invece, gli occhi? «Indispensabile l’uso di matite waterproof e possibilmente scegliere dei colori neutri. No quindi al nero, blu o verde perché qualora si sbavasse la riga, l’effetto è subito quello dell’occhiaia e dell’occhio stanco, spento. Benissimo, però, il marrone per bordare l’occhio, ma non nella parte bassa, all’interno della rima, bensì nella parte alta a mo’ di eyeliner, sfumato effetto naturale, così da nascondere eventuali sbavature. Naturalmente indispensabile: tanto mascara waterproof. Per quelle poi che, giustamente, tengono anche alla cura delle sopracciglia, è bene evitare di disegnarle con matite e ombretti. Le sopracciglia, infatti, rappresentano la barriera naturale affinché il sudore non finisca negli occhi, quindi sono una delle parti che si bagnano di più. Meglio quindi applicare solo un gel trasparente per metterle in ordine o pettinarle con un pettinino per aggiustare giusto la forma, evitando il make up che rischia di colare e basta. Dico no anche alla terra, sempre per un problema di volatilità del prodotto. Meglio un tocco di blush, in crema o liquido, se si desidera sottolineare le guance, gli zigomi».

 

Consigli su come truccare la bocca? «Eviterei di indossare un rossetto rosso o comunque disegnare labbra colorate, ma magari contornarle con una matita waterproof dal tono naturale e applicare un balm che possa idratarle il più possibile, soprattutto se si fanno sport all’aperto e le labbra sono esposte al freddo e con il fiatone si seccano ancora di più».

 

Un ultimo consiglio? «Sicuramente quello di non scegliere un asciugamano chiaro per tamponarsi il viso, così da non lasciare chiazze!».

Francesca Pelucchi

Ama la bellezza in tutte le sue forme.