soft

4 modi super naturali per avere i capelli mossi senza piastra

Beach waves perfette come dal parrucchiere? Si può: è ora di mettere da parte i ferri del mestiere per armarsi di… strumenti privi di calore!

Alessandra Nido

Cosa c’è di più bello di una folta e fluente chioma con onde delicate e sinuose? La risposta è scontata: niente.
Alzi la mano chi, dopo essersi concessa la piega perfetta dal parrucchiere, ha tentato invano – nonostante i numerosi video su YouTube – di replicare il risultato a casa, complici i migliori prodotti e utensili disponibili sul mercato.
Eppure? A volte ci vuole molto  tempo, il risultato non è quello sperato e l'uso di ferri e piastre risulta eccessivo.
Cosa fare, quindi? Semplice, provare a non usare nessuno strumento con fonti di calore!

Trecce
Il più classico dei metodi: a capelli umidi (mi raccomando, non bagnati!), dopo aver applicato un prodotto idratante sulle lunghezze, dividete la chioma in due parti e creare le più classiche delle trecce francesi. Possono partire dalla nuca o direttamente dall’attaccatura dei capelli.
È sufficiente far passare qualche ora o, ancora meglio, farlo prima di andare a dormire: più le trecce sono strette più le onde saranno definite; per un risultato morbido, analogamente, è sufficiente stringere meno le ciocche fra loro.
E ora… è giunto il momento di scioglierle!

Fascia
Se preferite onde meno definite e più sinuose, la fascia è sicuramente il metodo perfetto per ottenerle. In questo caso si lavora sui capelli perfettamente asciutti, e l’alleato fondamentale sarà l’acqua (meglio se con il supporto di uno spruzzino, per applicarne la giusta quantità sulla chioma).
Armatevi di una fascia per capelli (possibilmente morbida e di cotone, una qualsiasi è perfetta per raggiungere il risultato sperato) e posizionatela all’altezza della fronte, facendo bene attenzione a coprire entrambe le orecchie.
Dopo aver inumidito una ciocca, sarà sufficiente arrotolarla intorno alla fascia per tutta la sua lunghezza; l’operazione andrà quindi ripetuta fino a quando l’intera capigliatura sarà avvolta nella fascia.
Anche qui, è possibile trascorrere qualche ora “in posa” ma – come sempre –  è meglio effettuare questa operazione prima di andare a dormire.
Una volta esaurito il tempo d’attesa, sarà sufficiente sfilare ogni ciocca e passare le dita in modo grossolano fra i capelli per un risultato… wow! 

A post shared by HeyLene Remele (@heylemele) on

Strisce di cotone o di carta
Chi non ha nell’armadio una vecchia t-shirt di cotone che non usa più? Bene, è giunta l’ora di regalarle una nuova vita.
Creando delle piccole strisce di tessuto, potrete infatti realizzare… dei bigodini completamente fatti in casa!
Anche qui, è preferibile lavorare su capelli asciutti, leggermente bagnati con dell’acqua corrente: una volta ottenute le strisce, di circa 15cm di lunghezza e 5 di larghezza, sarà sufficiente avvolgere ogni ciocca attorno ad esse, procedendo fino a metà lunghezza o fino alla radice, a seconda che si voglia un risultato più o meno voluminoso. 
Per fissare il tutto, chiudete il piccolo “nido” ottenuto facendo un nodo con le due estremità della striscia.
Proprio come gli altri metodi, anche per questo un tempo di posa più lungo equivale all’ottenimento di un risultato migliore.
E se non volete disfarvi di una vecchia maglietta, tenete a mente che il procedimento può essere attuato anche con delle semplici strisce di carta, ritagliate dai vecchi giornali. 

A post shared by Niki Bailiss (@nikibailiss) on

Bigodini (non termici)
Se l’idea di un simil DIY con la maglietta di cotone vi fa storcere il naso, è importante sottolineare che, in commercio, esistono vari tipi di bigodini (non termici) da poter utilizzare proprio come le strisce di cotone.
Dai più tradizionali – i classici cilindri che ogni donna ha visto applicati sulla capigliatura della propria nonna – passando per le bacchette con anima in ferro e ricoperte di gomma, da poter attorcigliare sulle ciocche: la soluzione migliore è quella di provarne varie tipologie per trovare quella più adatta al riccio che state cercando e con cui ci si trova più comode.
Anche qui, il procedimento non cambia: a capelli umidi, applicate il bigodino per la lunghezza desiderata, in modo da avere onde più o meno definite.
Proprio come per gli altri metodi, se potete trascorrere la notte con i bigodini in testa, il risultato sarà più definito; in caso contrario sono sufficienti due/tre ore di posa. 

Credit immagine di copertina: Getty Images

Alessandra Nido

Beauty editor, lipstick addicted, divora serie TV.