Cenerentole

Abito di Capodanno: perché comprarlo, quando puoi noleggiarlo?

Diciamo basta a investire su un abito che verrà indossato (a dir tanto) due volte l'anno!

Daniela Zuccotti

La relazione tra una donna e il Capodanno, quando si avvicina, è riassumibile nell’intero pacchetto di stati d’animo di Facebook: «sei giù di morale», perché non hai organizzato niente; «sei alla grande», perché il minuto dopo ti hanno invitato al party del secolo; poi «sei perplessa» perché al party del secolo non puoi andarci con l’abito dell’anno scorso; «sei soddisfatta», perché in quel negozio hai appena trovato il vestito dalla vita; «sei triste» perché per acquistare il vestito perfetto, che, se ti va bene, metterai due volte nella vita, dovresti accendere un mutuo; allora valuti una cena più modesta a casa di amici e «sei felice», per cinque minuti; ci ripensi... «sei carica» e non vuoi rinunciare a quel po’ di mondanità che capita una sera l’anno. Così ti fiondi dalla tua migliore amica e provi il suo tubino in velluto di Prada. Vai subito «in ansia» quando la zip non si chiude. 

Ok, calma e sangue freddo: a tutto c’è una soluzione.

Per indossare un abito da red carpet, Capodanno o non Capodanno, e pagarlo quanto l’abbonamento annuale all’ATM, non dovete far altro che noleggiarlo.

Su Drexcode.com  potete affittare (e tenere per 4-8 giorni) gli abiti delle ultime collezioni di designer super famosi come Alberta Ferretti, Vera Wang o Moschino.Basta scegliere modello e taglia e prenotare consegna e ritiro con UPS a casa o negli uffici di drop-off. Grazie a un sistema di cuoricini, potete segnare tutti gli abiti per i quali dareste un braccio, confrontarli prima di ordinarli o addirittura, se siete molto indecise, fare una prova gratuita dell’abito e confermare il noleggio in 24 ore. Se poi, non sapete proprio dove sbattere la testa, potete sempre chiedere un consiglio agli stylist della casa. Prezzi? Da 50 a 400 euro. E considerando che indosserete un abito che ne vale 4.000, non è male. Infine, due volte l’anno ci sono le svendite! 

Un post condiviso da Drexcode (@drexcodecom) in data:

Per chi ha gusti più sofisticati c’è Frontrowtribe.it , che si presenta come una vera e propria web-boutique. Alla registrazione, infatti, vi chiederanno le misure esatte, così poi le sarte, al momento della scelta, possono aggiustare l’abito per un fitting perfetto e, per ogni noleggio, è sempre possibile domandare una seconda taglia di riserva.I designer proposti sono nomi di nicchia: Kenzo, Openining Cerimony e Francesco Scognamiglio, tanto per dirne alcuni. L’abito si può tenere solo per 4 giorni, ma è possibile noleggiare più abiti contemporaneamente. Spedizione gratuita in tutta Italia, prezzi da 70 a 250 euro!

Dressyoucan.com nasce come un armadio virtuale in comune, nel quale nessun abito è di proprietà: piuttosto ce li si scambia tra amiche, come di fatto succede nella realtà. Il noleggio va dai 4 agli 8 giorni e il prezzo può variare in base alla collezione dell’abito scelto. Se avete fatto la pazzia di comprare un vestito costoso che è stato indossato mezza volta, potete metterlo a disposizione di altre “amiche clienti”: il team del sito valuterà l’abito e vi permetterà di noleggiare qualcos’altro senza sensi di colpa. Win-win!

A post shared by DressYouCan (@dressyoucan) on

Lovedress.it è un AirBnb dei vestiti che offre un po’ di tutto: da Marchesa a Pinko, da Versace a Elisabetta Franchi. La durata del noleggio è di 4 giorni, ed è consigliabile prenotare l’abito almeno due giorni prima dell’evento, forse anche prima, considerando la maratona che avrà luogo per Capodanno. Se vi state chiedendo se potete ordinare più capi contemporaneamente, vi diamo una dritta: indicate le consegne in date diverse!

A post shared by LoveDress.it (@lovedress.it) on

Infine, un salto offshore! Nel panorama degli abiti a noleggio Chicbychoice.com è uno dei pochi siti internazionali che consegna in Italia in un giorno lavorativo. Ci piace molto perché, oltre alla puntualità inglese del servizio, offre una scelta non scontata di nomi in catalogo: al posto dei soliti designer (e dei soliti modelli) ci sono abiti firmati Catherine Deane, Badgley Mischka o Halstone Heritage.
Non avete la più pallida idea di chi siano? Fa niente, l’importante è pronunciarne il nome con la sicumera di Anna Wintour, quando al party del secolo vi chiederanno di chi è il bellissimo abito che avete addosso.

Scommettiamo che, dopo questa rassegna, siete tornate «in vena di fare festa»?

Credit immagine di copertina: Getty Images

Daniela Zuccotti

Content creator, stylist, mamma.