'O Mare Mio

Insalata, carpaccio oppure caliente: 5 modi per cucinare il polpo

Volete conoscere tutti i segreti per prepararlo al meglio? Seguite le avventure di ‘O Mare Mio. Intanto, noi vi suggeriamo 5 modi per cucinare il polpo. Pronti, si salpa!

Mariarosaria Bruno

Anno nuovo, sapore nuovo. Siete pronti a solcare le onde del Mediterraneo assieme ad Antonino Cannavacciuolo? Dal 7 gennaio, su Nove Tv, ricomincia ‘O Mare Mio, il programma per scoprire, in compagnia del mitico chef, i prodotti ittici del bel paese: un viaggio all’insegna del gusto, che svela, tappa dopo tappa, tradizioni veraci, ricette tipiche e interpretazioni creative.
Protagonista della prima puntata è il polpo, un mollusco che si distingue per una carne gustosa e un basso apporto calorico.

La sua preparazione richiede una buona dose di attenzione, soprattutto per quanto riguarda la cottura, dal momento che le fibre devono intenerirsi, per ottenere una consistenza soda, che non sia né troppo dura né troppo molle. Al momento dell’acquisto, accertatevi che il polpo sia stato già battuto e pulito. Poi? C’è chi segue la tradizione di immergerlo tre volte nell’acqua bollente tenendolo per la testa, chi lo lessa senza pensieri e chi usa la pentola a pressione.

C’è anche chi ha l’abitudine di surgelarlo per un paio di giorni prima dell’uso (il freddo indebolisce le fibre), in modo da ottenere una carne più morbida. L’importante è ricordarsi di procedere con una cottura lenta, a fiamma bassa. I tempi variano a seconda delle dimensioni del polpo, ma calcolate circa 20 minuti ogni 500 grammi, ricordando poi di fare la prova della forchetta: che deve affondare facilmente nella sua carne, per verificare che sia pronto.

Volete conoscere tutti i segreti per prepararlo al meglio? Seguite stasera le avventure di ‘O Mare Mio. Intanto, noi vi suggeriamo 5 modi per cucinare il polpo. Pronti, si salpa!

Getty Images

1. Polpo alla catalana: un gioco caliente

Può rappresentare un abbondante antipasto, ma anche un gustoso secondo piatto. Cominciate lessando il polpo in acqua bollente, aromatizzata con sedano, alloro, grani di pepe, carota e cipolla bianca. Una volta raffreddato,  si tolgono eventuali eccessi di pelle sulla testa e si taglia a tocchetti. A questo punto si condisce in una ciotola con cipolla rossa di Tropea tagliata a fettine sottili (precedentemente ammorbidite in acqua e aceto e strizzate), pomodorini, olio extravergine d’oliva, sale e pepe. Per una nota verde e aromatica, si può aggiungere anche qualche foglia di basilico. Avete fame e non riuscite ad aspettare? Mangiatelo subito, altrimenti mettetelo a riposare nel frigo per un’oretta. 

Getty Images

2. Carpaccio di polpo: per stupire con effetti speciali

Perfetto per ingolosire gli ospiti con un antipasto saporito e ricercato. Una volta lessato in acqua aromatizzata con sedano, alloro, carota, grani di pepe e cipolla, il polpo va tagliato a pezzi di grandi dimensioni e lasciato intiepidire. Nel frattempo, si prende una bottiglia di plastica, si priva del collo e si praticano dei fori sul fondo. Il polpo va inserito al suo interno, pressandolo il più possibile, in modo da far fuoriuscire tutta l’acqua. Successivamente, la bottiglia deve essere avvolta con una pellicola e adagiata su un piatto con un peso appoggiato sopra. Si conserva così per 24 ore in frigorifero. Trascorso questo tempo, la bottiglia va svuotata del “salame” di polpo, che dovrà essere affettato finemente, salato, pepato e servito con un filo di olio extravergine d’oliva o con una citronette e del prezzemolo tritato o, ancora, con cubetti di pomodoro. Voilà, il carpaccio di polpo è pronto.

Getty Images

3. Insalata di polpo al limone e prezzemolo: rapida e indolore

Una preparazione adatta a chi ha poco tempo a disposizione, semplice e veloce. Una volta lessato in acqua salata, il polpo va tagliato a tocchetti e condito con un’emulsione a base di olio extravergine d’oliva, succo di limone, sale, pepe, aglio a pezzetti e prezzemolo. Mescolate e lasciate insaporire per circa un’ora. Trascorso questo tempo, l’insalata di polpo è pronta ed è perfetta per essere servita come antipasto di mare o come secondo piatto. Un gioco da ragazzi.

Getty Images

4. Polpo con le patate: un evergreen

Un grande classico della cucina mediterranea, che accontenta tutti i palati. Come si prepara? Basta immergere il polpo in acqua bollente aromatizzata con una foglia di alloro e procedere con la cottura. Intanto, si procede pelando le patate e lessandole. Una volta cotte, si tagliano a pezzi, si mettono in un’insalatiera e si uniscono al polpo, precedentemente raffreddato nella sua acqua, privato della pelle e tagliato a tocchetti.  Aggiungete olio extravergine d’oliva, sale, pepe, prezzemolo tritato e mescolate il tutto.  Dopo aver riposato per 30 minuti, il polpo con le patate è pronto. Per un tocco audace si può aggiungere un pizzico di peperoncino o, in alternativa, una spolverata di paprika dolce.

Getty Images

5. Crema di ceci con polpo croccante: a prova di chef

Un primo piatto alternativo, goloso e leggero. I ceci precotti vanno insaporiti sul fuoco con aglio, olio extravergine d’oliva e rosmarino. Una volta rosolati, vanno frullati, aggiungendo sale, pepe e dell’acqua calda, in modo da ottenere una crema dalla consistenza morbida e liscia. Il polpo va lessato come di consueto e, successivamente, arrostito sulla piastra, affinché i suoi tentacoli risultino piacevolmente croccanti. Come si serve? Su un piatto fondo, adagiando il polpo al centro della vellutata di ceci, oppure su un piatto piano, affiancando la crema di ceci al pesce arrostito. Quindi? Lasciatevi tentacolare. 

Credit immagine di copertina: Getty Images

Mariarosaria Bruno

Giornalista, ama la birra, il turchese e il mare.