MEDICAL

Cara Candida, ti scrivo

Cinque consigli #nofilter su come tenere a bada il nostro ospite opportunista

Aura Tiralongo

Cara Candida,

ci risiamo. Io che qui sto morendo, e tu che mangi il gelato. Mi sembra di vederti, mentre lavori nell’ombra. Ti scrivo dai piani alti: quante volte ci siamo già incontrate? Un’“intima amicizia”, la nostra. Conosci i miei punti deboli, approfitti delle mie distrazioni. Basta una vacanza in cui mi dimentico di te, un pantalone attillato portato troppo a lungo, un antibiotico, un periodo stressante o un amante focoso, e BAM: ti scateni. Compari con la tua faccia peggiore: pallida e umidiccia. Non sei più la silenziosa Candida, “amica” ficcanaso, ma innocua. Esplodi in Candidosi: un’infezione. E lì cominciano i dolori.

Il «fastidioso prurito intimo» delle pubblicità non rende l’idea parliamo pure di una mitragliata di spilli. Di un falò acceso fra le gambe. O di un esercito di pulci che balla la zumba nei miei slip.

Candida non è una tipa che torna: Candida non se ne è mai andata! Sei un micro-organismo sempre presente nella flora vaginale di ogni donna: un commensale, un ospite opportunista.  Un fungo, detta come va detta. Ammettiamolo: tutti ti conoscono, ma pochi parlano apertamente di te. Sette donne su dieci non riconoscono i tuoi sintomi, o se ne vergognano. Perdite bianche, prurito, bruciore, rossore, i segni della Candidosi Vaginale non si presentano certo in abito da sera e tacco 12. Ma questo è ciò che succede a tutte noi quando prolifichi a dismisura.
Imbarazzarci è sempre stato un punto a tuo favore, ma da oggi si cambia solfa. Sei solo un micete suscettibile, che va tenuto a bada. Bisogna non provocarti e importi disciplina. Fare in modo che tu non ti allarghi, come nelle lezioni di mambo di un film memorabile: questo è il mio spazio, questo è il tuo.

Cara Candida, ti scrivo per darti una notizia: so come prenderti. I tabù sono caduti, è in arrivo un nuovo trend. 

Dieta e alleati
Il medico mi ha presentato il tuo nemico giurato: il Lattobacillo. Un batterio buono che posso rinforzare, che protegge le mie mucose e fa da arbitro fra gli ospiti opportunisti del mio corpo, evitando che si moltiplichino. Il Lattobacillo è in alcuni tipi di yogurt, ma lo si può assumere anche in capsule, in fiale, in bustine o in ovuli vaginali, quando la lotta si fa dura. Cartellino rosso: no a zuccheri, lieviti e carboidrati, tutte cose di cui vai ghiotta. Bibite gassate e alcolici, in panchina! Appena tu leverai la testa, io leverò dal tavolo dolci, pizze, panini. Sì invece a pesce, carne magra, uova, verdure. E benvenuta nel mio menù a una new entry esotica: il Kefir. Elisir di lunga vita per gli antichi: toccasana per l’intestino, eccezionale alleato contro le tue sgradite invasioni.

Moda e Underwear
Cara Candida, so che il nero ti eccita, e che i tessuti sintetici ti scatenano gli istinti. Il trend della nuova stagione prevede quindi intimo di cotone bianco. Sarò sempre il solito schianto nei miei vestiti più comodi: i pantaloni attillati non mi fanno respirare, idem per i collant di nylon. La mia femminilità soffre, quando si sente costretta. Tu ami gli spazi stretti? Io ti batto areando, in tutti i sensi. E viva la libertà.

TripAdvisor
La mia vagina non è il tuo ostello, ma un club esclusivo. Il che significa selezione all’ingresso: poche disponibilità, e ben controllate. Tu hai il brutto vizio di migrare, ma tuo posto d’elezione, carissima autostoppista delle mie mucose, è nei sedili posteriori, insieme alla variegata tribù dei tuoi simili: spore, batteri, micro-organismi. Un popolino che sta bene dove sta: nell’intestino. Parole chiave: ordine e pulizia. Uno: no alla stitichezza, fattore favorente delle infezioni vaginali. Due: alla toilette starò attenta ai miei gesti per non darti passaggi in prima linea. La direzione è avanti-indietro, mai il contrario. Saponi intimi a base di salvia e timo saranno le mie armi: tu prolifichi negli ambienti acidi, io ti placherò usando prodotti con ph basico o neutro.

Lifestyle
Un’ora di movimento aerobico al giorno, leva la Candida di torno
. Che sia una camminata a passo sostenuto, una corsa a perdifiato, una lezione di fitness o una session di danza acrobatica, lo sport aiuta a tenere controllati gli zuccheri e i livelli di insulina nel sangue. Oltre a ridurre i livelli di stress, che abbassano le difese immunitarie. Tu, Candida, ami i tipi pigri: I like to move it. Come attività sportiva e antidoto contro le ansie vale anche il sesso, che merita – come sempre – un capitolo dedicato.

Sesso!
Pensavo fossimo sole, io e te, su questo campo di battaglia. Invece mi sbagliavo: il triangolo no, non l’avevo considerato! Tu sei il terzo incomodo, nell’amore passi dall’uno all’altro usando i partner come un metrò nell’ora di punta. Se tornerai da me, sappi che non sarò sola a metterti all’angolo: mi curo io, si cura lui. E viceversa. Stop al ping-pong: contro di te, l’unione fa la forza.

Come direbbe un famoso rapper italiano, io non ti ho vista, ti ho vissuta. E tu, d’altronde, sei robba coatta. Abbiamo avuto le nostre divergenze, m’hai fatta patire almeno quanto quell’ex che «Ci tengo a te, ma non mi voglio impegnare», e adesso sono davvero pronta a mollarti, senza alcun rimpianto. Bye-bye Candida, (non) è stato bello e non mi mancherai per niente: ora scappo, ché ho cose più importanti di te a cui pensare.

 

Credit immagine di copertina e illustrazioni: 150UP

Aura Tiralongo

Si occupa di giornalismo scientifico, insegna Semiotica presso la Iulm di Milano.