A mollo

Natale al caldo sì, turismo di massa no: 8 mete alternative per il mare d’inverno

Altro che sci e montagna: ecco le destinazioni per chi vuole fare la lucertola tutto l'anno

Valentina Borghi

Voglia di estate in pieno inverno? Se non riuscite a rassegnarvi al freddo e continuate a sognare una vita in costume su una spiaggia deserta, una vacanza al caldo è quello di cui avete bisogno. D'altronde si sa, trascorrere le vacanze di Natale al sole è il modo migliore di abbandonarsi a un completo relax, ma è anche una scelta che ormai fanno in molti e trovare una spiaggia poco affollata può non essere così facile.

Abbiamo scovato per voi 8 spiagge da sogno, 8 paradisi nascosti non ancora battuti dal turismo di massa.

Thailandia - Isole Surin

Isole Surin/Valentina Borghi

L’arcipelago delle isole  thailandesi di Surin è costituito da 5 isole, si trovano a pochi km dal confine marino con la Birmania, nel mare delle Andamane, e si raggiungono in motoscafo da Khao Lak, una cittadina costiera a nord di Phuket. Tutto l’arcipelago fa parte del Parco Nazionale Marino e si può dormire in alcuni caratteristici bungalow o in tenda, nel camping gestito dal Parco Nazionale. Le spiagge di sabbia bianchissima sono orlate da enormi blocchi di granito e dai lembi della foresta pluviale, mentre l’acqua limpidissima ha favorito lo sviluppo di una straordinaria vita marina. Perfette per gli amanti del diving e dello snorkeling.

Brasile - Morro de Sao Paolo

Morro de Sao Paolo/Valentina Borghi

Questa piccola isola tropicale si trova a nord del Brasile e si raggiunge facilmente in catamarano da Salvador de Bahia. L’isola è tutta pedonale e l’unico mezzo di trasporto consentito sono gli asinelli, per una vacanza scandita da ritmi che più rilassanti non si può.  Morro de Sao Paolo vi accoglierà con spiagge di sabbia bianca a perdita d’occhio, palme, mangrovie e gente pronta a prepararvi insalate di frutta e mojito espressi. L’isola ha anche una vivace vita notturna ed è molto amata dai giovani argentini e brasiliani; tutto bene, quindi, ma tenete sempre gli occhi aperti riguardo alle maree, che qui non scherzano.

Colombia - Tayrona

Tayrona/Pixabay

Il Parco Nazionale Naturale di Tayrona si trova lungo la costa caraibica della Colombia e si raggiunge in autobus da Santa Marta.  Una volta arrivati all’ingresso del parco si può procedere solo a piedi e, con un percorso nella giungla di 7 km, arriverete nella magnifica e incontaminata spiaggia di San Juan. Se avete spirito di avventura provate l’esperienza di dormite sulle tipiche amache (da prenotare con anticipo) e proverete l’ebbrezza di riposare sotto un cielo stellato, cullati dalle onde del mare. Al vostro risveglio, avrete la spiaggia tutta per voi.

Mozambico - Bazaruto

Bazaruto/Tripadvisor

L'arcipelago di Bazaruto si trova nel sud del Mozambico, è costituito da 4 splendide isole tropicali ed è raggiungibile in barca dalla città costiera di Vilanculos. Le due isole più grandi hanno diverse struttura turistiche, mentre le due più piccole sono disabitate. L’ambiente naturale è di rara bellezza: oltre alle spiagge dalle immense dune, dove nidificano le tartarughe, le isole di Bazaruto sono ricche di spettacolari mangrovie e di specchi lacustri d’acqua dolce abitati dai coccodrilli.

Fuerteventura - Playa de Sotavento

Playa de Sotavento/ Valetina Borghi

Non sempre bisogna fare 10 ore di volo per trovare un paradiso nascosto: l’incontaminata spiaggia di sabbia bianca di Sotavento si trova a sud dell’isola di Fuerteventura, nell’arcipelago delle Canarie; situata all’interno del Parque Natural Jandia, dista solo 4 ore di volo dall’Italia. Questa grande distesa di sabbia è bagnata da uno splendido mare cristallino turchese e, grazie all’effetto delle maree, si creano delle magnifiche piscine di acqua salata. Per chi non vuole allontanarsi troppo.

Seychelles - Anse Marron

Anse Marron / Valentina Borghi

Le Seychelles sono famose per avere alcune delle spiagge più belle del mondo. Gli enormi blocchi di granito e la rigogliosa vegetazione hanno reso famose e riconoscibili a tutti queste “oasi” paradisiache, dalla finissima sabbia bianca e dall’acqua cristallina, racchiuse dalla barriera corallina. Pochi però conoscono la spiaggia di Anse Marron, una perla per giovani Robinson Crusoe, che si trova sull’isola di La Digue: raggiungibile con un trekking di 2 ore e l’aiuto di una guida locale. Lo spettacolo indimenticabile che vi si parerà davanti agli occhi vi ripagherà della fatica: vedere per credere!

Sri Lanka - Koggala

Koggala/Pixabay

La spiaggia di Koggala si trova sulla costa meridionale dello Sri Lanka, la più bella e la più turistica, tra le cittadine di Talpe e Mirissa. In generale, anche quando si parla di località turistiche, in Sri Lanka siamo ben lontani dall’affollamento di alcune spiagge della Thailandia o dell’India del Sud: pure in quelle più conosciute, come Mirissa e Unawatuna, non faticherete infatti a trovare disponibilità di camere presso le varie strutture ricettive. Ma se siete alla ricerca di un piccolo paradiso tutto per voi, Koggala è la scelta perfetta. 

Panama - Zapatillas

Zapatillas/Pixabay

Avete presente la classica cartolina con l’isolotto di 20 metri, la palma e la barriera corallina? È esattamente quello che troverete nell’arcipelago di Bocas del Toro, a Panama: 6 isole principali (su cui si può anche pernottare) e una miriade di piccoli isolotti caraibici, per lo più disabitati. Le più belle sono sicuramente le Zapatillas, situate su una piattaforma corallina all’interno del Parque Nacional Marino Isla Bastimentos, il primo parco marino istituito a Panama. Queste isole hanno mantenuto inalterato il loro aspetto selvaggio, lo stesso che avevano quando vi giunse Cristoforo Colombo durante il suo ultimo viaggio nelle Americhe.

 

Credit immagine di copertina: Pixabay

Valentina Borghi

Viaggiatrice compulsiva, travel blogger, food lover