Viaggi

Ponte dell’Immacolata lontano dagli sci: ecco perché scegliere Atene

La capitale greca vive una nuova stagione culturale post crisi

Valentina Borghi

Per molti il Ponte dell’Immacolata significa la prima sciata di stagione, per tanti altri è una ghiotta opportunità per concedersi un breve viaggio con cui rallentare l’arrivo dell’inverno e godere degli ultimi tepori. 

Se siete tra questi ultimi la capitale greca può rappresentare la scelta vincente. Atene si trova alla stessa longitudine della nostra Sicilia, è una città dove piove poco, assai economica e a dicembre le tariffe degli alberghi risultano particolarmente basse. 

Inoltre, dopo gli anni bui della crisi, Atene ha rialzato la testa ed è più viva che mai. La recessione ha rappresentato una grande opportunità per i giovani e ha innescato la rinascita della città, a suon di creatività. Negli ultimi due anni hanno aperto decine di gallerie d’arte e di design, nuovi musei, locali e ristoranti gourmet e si può scommettere che sarà una delle capitali più visitate del 2018.  

Getty Images

Ai simboli gloriosi dell’antica Grecia ora fanno da contraltare nuovi spazi contemporanei, in quartieri un tempo decadenti – come Metaxourgeio, alle spalle di Monastiraki o Gazi, il fulcro della night life ateniese – oggi in piena rivalutazione.  

Il cuore putativo e storico di Atene rimane ovviamente l’Acropoli (in effetti risulta impossibile staccarle gli occhi di dosso!): visibile da ogni angolo della città, sorveglia la città dall’alto, e dal Partenone la vista spazia fino al mare.  

Ai suoi piedi il nuovo Museo dell’Acropoli espone i fregi del Partenone (quelli rimasti dopo il saccheggio inglese) e gli altri tesori rinvenuti nel sito, configurandosi come un museo moderno e spettacolare.  

Museo dell'Acropoli / foto di Stefano Borghi

Se invece volete vedere la nuova Atene, quella della creatività, del design e della cultura, potete iniziare la visita dalla nuovissimo Centro Culturale della Stavros Niarchos Foundation, proprio a ridosso del mare. Questo parco urbano da 170mila metri quadri è sorto sul sito del vecchio ippodromo di Atene, nel quartiere Kallithea, grazie al genio di Renzo Piano e ai finanziamenti dell’armatore Niarchos. Inaugurata a giugno 2016, questa cittadella della cultura ospita la Greek National Opera, la Biblioteca Nazionale, laboratori interattivi, percorsi per il jogging e un canale d’acqua per praticare il kayak.

Centro Culturale della Stavros Niarchos Foundation / Getty Images

Di recentissima apertura anche l’EMST, il Museo Nazionale di Arte Contemporanea; ospitato in un ex birrificio degli anni ’50, ha una collezione permanente dedicata alle opere di artisti greci e varie esposizioni temporanee. Sull’altro versante dell’Acropoli, Monastiraki e l’ex quartiere decadete di Metaxourgeio, pullulano di nuovi ristoranti e locali, come il Manhattan Project, il Blue Parrot, il Seycheles e soprattutto il TAF, The Art Foundation. Questa galleria d’arte occupa un intero edificio ed è una delle organizzazioni creative più attive di Atene; non perdetevi il bar nel magnifico cortile interno.  

Per la sera il Six D.o.g.s. a Monastiraki rimane un’istituzione, altrimenti spostavi a Gazi e non avrete difficoltà a trovare un club di vostro gradimento. Καλησπέρα

EMST / Getty Images

Informazioni utili 

Sleep
City Circus Athens - Ostello di design tra Monastiraki e Thissio (doppie a partire da 70 euro).  
Coco-Mat Athens - Design Hotel a 4 stelle a Kolonaki con magnifica terrazza panoramica (doppie a partire da 190 euro).  

Eat
Melilotos - Cucina greca creativa nel centro di Monastiraki.  
Seycheles - Taverna greca a Metaxourgeio con ben 16 tipi di formaggi in menù. 

Drink
Six D.o.g.s. - Un’istituzione, un giardino segreto nel centro di Atene dove ascoltare musica e bere ottimi drink. 
Caffè Klepsidra - piccolo bar di Plaka dall’atmosfera bohémienne, molto frequentato dai greci.  
TAF Bar - Bar nel cortile della The Art Foundation, perfetto per l’aperitivo 

Credit immagine di copertina: Getty Images

Valentina Borghi

Viaggiatrice compulsiva, travel blogger, food lover