oval money

Risparmiare senza sacrificarsi: 10 consigli per ragazze (ma non solo!)

Bastano pochi accorgimenti per riuscire a mettere da parte un bel gruzzoletto. Ecco i trucchetti più smart cui ricorrere quotidianamente per un risparmio sicuro, facilissimo e persino divertente!

Camilla Sernagiotto

In collaborazione con Oval Money

Risparmiare è davvero così difficile come la cicala vuole farci credere? Così lontano dal godersi la vita come intimava la cara vecchia formichina?
Non è una passeggiata, ok, ma possiamo anche fare a meno di queste favolette un po' pessimiste: è importante imparare a mettere via qualche risparmio non tanto per punirci e devastarci coi sensi di colpa, ma per gettare le basi di un futuro entusiasmante—una nuova casa? La vacanza intorno al mondo che abbiamo sempre sognato? A voi la scelta!
Oggi, con qualche accorgimento, è possibile risparmiare senza grossi sacrifici, senza dover controbilanciare lavorando il triplo e invece vivere nel presente.
E il passato? Anche questo è un tempo fondamentale per la wannabe-risparmiatrice che si annida in ciascuna di noi. Perché gli errori commessi ieri insegnano a non incapparvi né oggi, né domani. 
Se volete liberarvi dalle catene dello sperpero, ecco 10 consigli davvero infallibili per non scialacquare tutto ciò che si guadagna. Senza troppe rinunce e, anzi, anche divertendosi nel farlo! Credete sia impossibile? Leggete e vi rimangerete i dubbi. 

TIP N.1 — ACQUISTARE PRODOTTI PROSSIMI ALLA SCADENZA
Finalmente la data di scadenza è stata sdoganata dalla lista degli spauracchi, quelli che assalgono quando si stila quell'altra lista: della spesa. Oggi i prodotti prossimi alla scadenza non vengono più snobbati, anzi: sono entrati a pieno titolo nel circolo virtuoso di chi li consuma per fare bene all'ambiente. E, dulcis in fundo, al portafogli. Questi prodotti, infatti, hanno un'ottima percentuale di sconto (fino al 70%) e al contempo si dimostrano altamente etici. Anche i supermercati italiani stanno puntando a promuoverne la vendita, seguendo l'esempio di quelli del Nord Europa. Vi servono altre motivazioni per riempire il carrello di leccornie in scadenza? La coscienza sarà più leggera e il portamonete pesantissimo!

TIP N.2 — LUNCH BOX MANIA
Le vecchie generazioni la chiamavano schiscetta ma oggi ha un nome molto più wow, ossia lunch box. Da quelle in acciaio inox con design minimale a quelle pop in morbida gomma colorata, le scatole porta-pranzo sono innumerevoli, declinate secondo ogni gusto. E con gusto non intendiamo solo ciò che sta dentro alla lunch box ma anche la lunch box stessa, ormai così di tendenza da essere diventata a pieno titolo un accessorio cool. Oltre a fare da ciliegina sull'outfit, vi farà mettere da parte parecchi buoni pasto da utilizzare per fare la spesa al supermercato, con un risparmio assicurato. Per chi non avesse dimestichezza con i fornelli, il web pullula di siti e blog specializzati proprio in pranzi da portarsi in ufficio—ve ne suggeriamo un paio davvero interessanti: il simpatico Schisciando e il risolutivo Schiscetta.

TIP N.3 — PALESTRA GRATIS IS EVERYWHERE
Non riuscite mai ad andare a Pilates e avete perso anche le ultime lezioni di kick-boxing? Provate a non rinnovare per qualche mese l'abbonamento in palestra e a seguire invece lezioni di "Faccio le scale anziché usare l'ascensore" e "Vado a lavoro a piedi invece che con i mezzi". La casa, il condominio, il quartiere e in generale l'intera città sono un'enorme palestra sempre aperta e utilizzabile da chiunque. Rispolverate la bicicletta per coprire grandi distanze, e imparate a camminare a ritmo di marcia per raggiungere le mete più vicine. La salute vi ringrazierà, e i glutei anche!
Eccovi, due tip pratici per rendere il tutto più piacevole: portate sempre con voi un paio di sneakers per non dover fare 5 chilometri con le ballerine o peggio ancora con i tacchi; scaricate una app per tenere traccia dei vostri piccoli grandi successi in termini di movimento fisico (rigorosamente gratis, come Pedometro).
Allora cosa aspettate? Muovetevi! Farà bene alla vostra salute, ai vostri risparmi e all'ambiente, quindi ci guadagnate in qualunque caso—una perfetta win-win situation!

TIP N.4 — LA MOTIVAZIONE È TUTTO
In questi esperimenti risparmiosi, avrete bisogno di una fida compagna, un'amica che vi aiuti a non mollare il colpo: e quindi, si chiama Oval Money ed è la numero uno delle applicazioni che permette a chiunque non solo di risparmiare ma anche investire in modo automatico e aumentare la propria consapevolezza finanziaria. Mission tutt'altro che impossible, semmai possibilissime! Basta collegare i propri conti e le carte di credito per poi impostare delle regole che ti consentono di accumulare risparmi in base alle tue abitudini di spesa. Puoi per esempio mettere da parte un importo fisso o una percentuale ogni volta che spendi nella categoria Viaggio o Benessere. Il tutto con un semplice tocco dal proprio smartphone, senza perdere tempo (e quindi denaro) in fila in banca. E a proposito di risparmio, l'app Oval Money non poteva che essere gratuita—provare per credere, scaricatela qui!
Nonostante la super convenienza, Oval garantisce gli stessi standard di privacy e sicurezza di un istituto bancario tradizionale.

TIP N.5 — SECOND HAND È BELLO (MA SOPRATTUTTO GIUSTO)
Comprare in boutique a prezzo pieno è ormai un’usanza obsoleta, roba da shopping targato Mesozoico. Per essere trendy e pure coscienziosi, oggi vestiti e accessori si comprano scontati e vintage. Dai mercatini dell'usato ai cosiddetti "clothing swap party", non c'è angolo della città che non offra occasioni per risparmiare con gusto. Gusto del divertimento, innanzitutto, basta provare un clothing swap party per averne un assaggio. Si tratta di feste in cui tra amiche ci si scambiano non solo le chiacchiere ma anche vestiti, accessori, e oggetti di design—ovviamente senza dover passare dalla transazione economica, ma avvalendosi del caro vecchio baratto. Un altro modo per fare shopping alternativo puntando sul risparmio social è Depop, l'app in cui chiunque può vendere, comprare o scambiare gonne, cappotti, libri, borsette, perfino divani vintage e frigoriferi anni Cinquanta. Trattandosi di compravendita tra privati, le tariffe sono sensibilmente inferiori rispetto a quelle dei negozi tradizionali. 

TIP N.6 — UNA PIASTRA È PER SEMPRE
La tecnologia al servizio della bellezza è ormai più sofisticata di quella adottata dalla Nasa. Se siete parrucchiere-dipendenti e ogni settimana vi ritrovate sedute al lavatesta dell'hair salon, provate a virare l'investimento e a incanalarlo in un accessorio hi-tech. Ce ne sono per ogni esigenza e molti vi garantiscono le stesse performance di un professionista, direttamente a casa vostra. Tra i must have delle tricofanatiche, la piastra è al numero 1 della top tenpuntate su quelle di nuova generazione che non surriscaldano la barra, onde evitare di assassinare i vostri capelli a furia di stirarli. Non abbiate paura, ci sono delle novità tecno-pazzesche che non rovinano affatto la zazzera perché lisciano e arricciano con l'aria. Se non volete investire così tanto, potete optare per una piastra un po' più economica e investire in un buon termoprotettore da usare sulla chioma prima di procedere con la pista.

TIP N. 7 — REGALO RICICLATO... PORQUOI PAS?
"Bellissimo! Ho sempre desiderato averne uno!" e intanto il nostro piede è già sopra il pedale che apre la pattumiera. Non buttate via l’ennesimo regalo sgradito! Come per la carta, per la plastica e per il vetro, pure per i regali che sembrano arrivati dal reparto "Ma anche no" è bene fare la raccolta differenziata. Adibite un armadio a caveau dei regali da riutilizzare e stipateci dentro tutto ciò che non usate: ogni pensierino "carino" della prozia, quel paio di jeans troppo stretti che ci ha donato l'amica "simpatica", il gioiellino regalato dall'ex… Questo metodo è efficacissimo per risparmiare e al contempo fa bene anche all'ecosistema perché induce a produrre di meno. Se l’armadio vi sembra poco social, optate per siti di compravendita come Subito.it oppure iscrivetevi a uno degli eventi—sempre più in voga—in cui vendere e comprare di tutto e di più (come il milanese East Market oppure i mercatini romani di Borghetto Flaminio, Ponte Milvio o Via Sannio). 

TIP N.8 — LA CLASSE NON È ACQUA
Prima di essere un buon consiglio riguardante l'economia, questo è innanzitutto un dovere a livello di ecologia. E di coscienza. L'acqua è il bene più prezioso che esista, vero oro liquido che sta alla base della vita. Risparmiarla farà bene al mondo e sarete in pace con voi stessi anche quando arriveranno le bollette. Per diminuire gli sprechi idrici basta installare sui rubinetti di casa delle bocchette a basso flusso. Ma anche l'acqua da bere può farvi spendere molto meno: anziché comprare bottiglie di plastica di minerale, optate per i filtri anticalcare depurativi e bevete quella potabile che sgorga dai rubinetti. Se siete fan sfegatati della frizzante, non temete: ci sono tanti modi per aggiungere anidride carbonica all’acqua senza comprare casse su casse di gassata—rubinetti speciali (un po' costosi ma convenienti a lungo termine), oppure le nuovissime "soda machines" come le chiamano gli amici americani, che di roba frizzante, se ne intendono. 

TIP N.9 — SHARING IS CARING!
Si dice che alla base della felicità ci sia la condivisione. Di certo c’è alla base del risparmio, un altro ingrediente fondamentale della ricetta della felicità intesa come benessere. La filosofia sharing è ormai il fil rouge che intesse la convenienza dei giorni nostri. Dai servizi di bike e car sharing alle vacanze condivise e alle cene a casa di sconosciuti. La Cena degli Sconosciuti, ad esempio, è una delle tante piattaforme per trovare tavole di sharing culinario in ogni città, farlo insieme vuol dire farlo meglio.
Condividere fa risparmiare perché ci si divide le spese ma aiuta anche a sentirsi meno soli, quindi più felici. Tra i servizi di sharing più originali, quello di elettrodomestici prestati dal buon vicinato è uno dei più deliziosi. Ma non si tratta soltanto del tradizionale "Toc, toc: scusi, mi presta lo zucchero?" Grazie a Nextdoor, l’app che aiuta a socializzare tra vicini, si possono mettere in condivisione trapani, frullatori, addirittura babysitter e idraulici!

TIP N. 10 — IL RISPARMIO IN BLOCCO
Si chiamano Gas (acronimo per Gruppo d’acquisto solidale) e sono sempre più in voga tra chi ama il risparmio shakerato all’etica. Si tratta di vasti gruppi di acquirenti che comprano assieme una notevole quantità di prodotti a prezzi scontati. Lo sconto viene applicato proprio grazie all’ordine di taglia XXL, tale da permettere al venditore di offrire un prezzo più vantaggioso. Oltre a essere un'ottima scelta per non sperperare denaro, quella dei Gas è anche un'opzione etica e virtuosa poiché aiuta le realtà agricole più piccole del nostro Paese, quelle che non sono coinvolte nella grande distribuzione.

RealTime

Stile impeccabile, sfide all'ultimo dolce e tante storie da raccontare: entrate a far parte del mondo Real Time! Siamo sul Canale 31 del DTT e 131 di Sky.