un brindisi

Cortesie per tutti: le false cortesie da non fare

Le finte cortesie che è meglio evitare per non cadere in una trappola del bon ton

Dorotea De Spirito

Cari padroni di casa cortesi, ci siamo: il vostro menù è ormai deciso e la tavola ha un aspetto impeccabile, ora quello che dovete fare è solo ricevere i vostri ospiti. In questo delicato momento non perdetevi in un bicchier d’acqua, o flûte di champagne, e non cadete nei facili tranelli delle finte cortesie. Ovvero tutte quelle pratiche che potranno sembrarvi gentilezze ma sono assolutamente da evitare.
Qui ve ne abbiamo raccolte alcune, per levarvi dal cortese impiccio. 

1.NON SI BRINDA SBATTENDO I BICCHIERI
Cominciamo proprio dalle basi: potrà sembrarvi un gesto carino iniziare la vostra cena con un bel brindisi ma ricordate che non è una pratica elegante far toccare (o peggio ancora sbattere!) i bicchieri. La nostra Csaba in questi casi è molto perentoria e se anche si trova nel bel mezzo di un simile cin cin, ritrae il suo calice con fermezza e afferma lapidaria, "Io i bicchieri non li sbatto, mai!"
Una nota storica: dire cin cin è frutto della moda orientale diffusa nello scorso secolo nei salotti borghesi!

2. NON SI SERVONO COCKTAIL CORREDATI DI CANNUCCE
In questo caso oltre al buon gusto è proprio il gusto a volere la sua parte: come ha ricordato Roberto, sorseggiando il Mojito preparato da Luisa e Martina, il sapore del cocktail viene annullato e falsato dalla cannuccia, oltre a far apparire subito tutto molto meno elegante. Se avete dei dubbi andate sulle sempre amate bollicine.

3. APERITIVO Sì, STUZZICADENTI NO
Rimaniamo nel settore alimentare, sarebbe un vero peccato rovinare gli ottimi inizi del vostro ricevimento a causa di uno scivolone sugli stuzzichini dell’aperitivo. Che per inciso si chiamano sì stuzzichini, ma gli stuzzicadenti non c’entrano un bel niente. Non fate l’errore del nobile Fabio, che ha accolto i nostri ospiti nella sua regale dimora, il castello di Fumone, ma ha servito l’aperitivo con stuzzicadenti di legno. Principe, almeno lei…

4. NON SI DICE BUON APPETITO
Qui vi vogliamo preparati: la motivazione è storica, oltre che cortese. Dire buon appetito è sconsigliatissimo in quanto l’augurio presuppone che i nostri commensali stiano mangiando per mere necessità fisiche (appunto, una gran fame!) Per gli aristocratici la tavola era un'occasione per conversare, creare alleanze. La nobiltà non arrivava mai affamata ad una tavola formale. L'inizio del pasto avviene dunque con disinvoltura. Insomma, il buon augurio è da riservarsi ai contesti più familiari.

5. COME SI APRE IL VINO?
Senza del buon vino, che pasto sarebbe? Attenti però a come lo servite e soprattutto aprite. Se avete portato in tavola una preziosa bottiglia non c’è nulla di meno piacevole che vedervi armeggiare con cavatappi e strofinacci, addirittura usando le gambe come fermo per la bottiglia! Chiedete a un commensale più esperto di aiutarvi, se proprio siete in difficoltà.

6. UN DONO GRADITO
Completare la vostra cena omaggiando i vostri ospiti con un cadeau è certamente un gesto molto apprezzato ma attenti a cosa scegliete: prendete in considerazione dei pensierini che possano essere utili oltre che graditi. Non fate l’errore di Stefania e Claudia, che hanno preparato dei segnaposto per i loro ospiti, piccolo dettaglio: ogni ospite ha portato via solo il proprio, ovviamente… come usarlo, quindi, non avendo gli altri sette?

Il consiglio bonus di Csaba
Anche se il vostro dono è rivolto al padrone di casa, tenete conto dei tempi e dell’uso. Se state pensando di portare dei fiori, optate invece per una pianta completa del suo vaso. Il padrone di casa non dovrà interrompere la preparazione e gestione della serata per cercare un recipiente dove mettere i fiori e l'acqua.
E questa sarà una cortesia molto gradita.

Per altri impeccabili consigli non perdetevi Cortesie per gli Ospiti, dal lunedì al venerdì alle 20:10 su Real Time e in streaming su Dplay.com

RealTime

Stile impeccabile, sfide all'ultimo dolce e tante storie da raccontare: entrate a far parte del mondo Real Time! Siamo sul Canale 31 del DTT e 131 di Sky.