Havana

Cuba: tutto quello che dovete sapere per esplorare al meglio la regina dei Caraibi

Da l’Havana a Trinidad, passando per le piantagioni di tabacco e le colline di Viñales, ecco i nostri consigli sulle cose da vedere e le esperienze da fare

Valentina Borghi

Fare un viaggio a Cuba è qualcosa di molto simile a compiere un viaggio nel tempo, e la prima volta che vedrete sfrecciare davanti ai vostri occhi una Buick o un’Oldsmobile vi sembrerà davvero di esser stati catapultati nei ruggenti anni ’40.  A Cuba gli orologi sono rimasti fermi per decenni ed è da poco che il paese si sta lentamente riprendendo dall’eredità della Guerra Fredda e riallacciando i rapporti con i suoi vicini più prossimi. In molti temono l’occidentalizzazione dell’isola, ma per ora potete state tranquilli, l’atmosfera è intatta!

 Il Wi-Fi esiste, ma è un servizio costosissimo che nessuno si può permettere quindi: staccatevi da casa, dal lavoro e dal telefono e lasciatevi travolgere dal ritmo di Cuba. Buttatevi in pista e ballate una salsa cubana senza pensieri, ammirate le auto d'epoca, provate l'autentico rum cubano, godetevi i sorrisi meravigliosi della gente che incontrerete e lasciatevi cogliere dalla magia di questo speciale angolo di mondo. Pronti a partire? Ecco le esperienze che a nostro avviso non potete assolutamente perdere 

Havana / Pixabay

Passeggiare senza meta tra le architetture decadenti de l’Havana Vieja
Un viaggio a Cuba non può non iniziare dalla visita de l’Havana Vieja (Havana Vecchia), il cuore pulsante della capitale; nessun altro luogo di Cuba trasmette un senso altrettanto vivido e immediato della storia dell’isola. Città dai mille colori, l’Havana è una città decadente, ma affascinante proprio per questo. Le piazze acciottolate, le viuzze ombreggiate, le ville coloniali, i cortili frondosi, le rocche cinquecentesche e le architetture rovinate dal tempo e dal clima non sono state alterate dallo sviluppo moderno, questo Patrimonio dell’Umanità UNESCO vi conquisterà da subito. È qui che si trovano gli alberghi di lusso come l’Ambos Mundos, i mitici bar di Cuba come il Floridita (il posto del cuore di Hemingway) e la Bodeguita del Medio, la bellissima Plaza de la Catedral, Plaza de Armas e soprattutto il Malecón, il celebre lungomare dell’Havana popolato da musicisti di strada, artisti, poeti, filosofi e pescatori che si stagliano sullo skyline della città.

Alex Block / Unsplash

Assaggiare il rum cubano
Cuba è famosa in tutto il mondo per diversi primati, ma uno dei più importanti è sicuramente la sua eccellente produzione di rum. Le qualità variano dal tipo più semplice, il rum bianco, ampiamente usato nei cocktail (soprattutto il mojito, il Cuba libre e il daiquiri), ai vari rum scuri fatti invecchiare in botti di rovere per un arco di tempo variabile da 3 a 30 anni. L’Havana Club è il rum più famoso, ma fra i migliori rum di Cuba che dovete assolutamente assaggiare ci sono l’Havana Club Gran Riserva e il Santiago de Cuba Extra Anejo (che sembra fossero i preferiti anche di Fidel Castro). Tip da insider: nei bar chiedete un Cubata invece di un Cuba Libre, la ricetta è la stessa, ma viene usato il ron dorado (invecchiato). Oltre a bere un cocktail migliore, farete anche la figura degli intenditori!

Trinidad / Getty Images

Vivere “a lo cubano” a Trinidad
Con le sue case basse e colorate, le strade acciottolate e le straordinarie architetture coloniali. Trinidad è la quintessenza di Cuba. Il quartiere coloniale pedonalizzato evoca la tipica atmosfera del grande villaggio, dove si cammina con passo tranquillo per le vie sconnesse e si chiacchiera tra vicini sulla soglia di casa. Le casas particulares del centro, ricavate in vecchie case coloniali, sono stupende e Trinidad è il luogo perfetto per vivere un’autentica esperienza “a lo cubano”. La zona va poi vissuta anche la sera: sulla scalinata di Plaza Mayor si susseguono orchestre una dietro l’altra e la gente balla sotto il palco fino a mezzanotte. Per chi avesse ancora forze residue, c’è la discoteca Ayala, un club incredibile che si trova dentro una grotta (per trovarla chiedete de La Cueva). 
Vi consigliamo di fermarvi a Trinidad per più notti, e non solo perché ci sono tante cose da fare (dal relax sulla spiaggia di Ancon fino alle escursioni nella Valle de los Ingenios o a Topes de Collante) ma soprattutto per la sua atmosfera!

Viñales / Pixabay

Andare a cavallo tra le piantagioni di tabacco a Viñales
La valle di Viñales si trova nell’estremità occidentale di Cuba e nasconde un incantevole paesaggio fatto di piantagioni di tabacco e mogotes (colline carsiche a forma di panettone) che gli conferiscono con un’atmosfera da mondo perduto. Benché molto turistica, Viñales resta un luogo incontaminato, senza grandi complessi turistici, il paese ha ancora un’atmosfera decisamente genuina. Esplorate la valle in groppa a uno dei bellissimi cavalli della zona e raggiungere al tramonto il punto panoramico per ammirare i mogotes in tutta la loro maestà.  Sebbene tutti sconsiglino di comprare sigari fuori dalle aziende statali (si corre il rischio di incappare in sigari fake, fatti con foglie di banano), andando direttamente nelle piantagioni potreste incontrare coltivatori che li vendono di ottima qualità e a prezzi decisamente ragionevoli. 

Getty Images

Rilassarsi in una spiaggia dei cayos
Un viaggio a Cuba che si rispetti deve prevedere necessariamente qualche sosta, seppur breve, nei suoi splendidi cayos. Tra i tanti, Cayo Jutías, vicino Viñales , è decantato come una delle spiagge più belle di Cuba, traboccante di sabbia bianca e acque cristalline. In effetti, compete solo con la spettacolare bellezza di Cayo Guillermo e la sua spiaggia, Playa Pilar. I numerosi cayos di Cuba sono la meta perfetta per staccare la spina e prendersi una pausa dal mondo. Qui trovate tranquillità e beatitudine: potete immergervi nelle acque trasparenti e rilassarvi in mezzo a delle vere meraviglie naturali. Se però rilassarvi in spiaggia tutto il giorno vi annoia, potete andare in cerca di una dose di adrenalina a Cayo Levisa o a Cayo Coco, dove fare immersioni lungo la barriera corallina o praticando altri sport acquatici.

Esplorare le terre dei coloni nella Valle de los Ingenios
La Valle de los Ingenios si trova a pochi chilometri da Trinidad e, un tempo, era una delle aree agricole più produttive del paese, sede di decine di piantagioni di canna da zucchero e di zuccherifici sui quali Trinidad costruì la sua fortuna durante il XVIII e XIX secolo. Oggi i campi di canna da zucchero hanno lasciato il posto a banano, mango e guaiava, ma la loro visita è un’immersione nella storia. Salite sulla Torre Iznaga e fermatevi all’Azienda Guachinango, risalente all’inizio dell’Ottocento. Non perdete l’occasione di assaggiare anche il succo di canna da zucchero chiamato guarapo: è dolcissimo, energetico e, dicono, afrodisiaco.

Credit immagine di copertina: Pixabay

Valentina Borghi

Viaggiatrice compulsiva, travel blogger, food lover