ritardo?

A ciascuna il suo calendario: le migliori 5 app per monitorare il ciclo mestruale

Gli strumenti a prova di smartphone per tenere sotto controllo ritardi, voglie e cambi fisiologici

Claudia Ricifari

Ormai esiste un’app per qualsiasi cosa, persino per monitorare il ciclo mestruale. Anzi, sembra che l’ovulazione femminile sia uno dei temi preferiti dagli sviluppatori di applicazioni, considerato quante se ne trovano navigando un po’ nei vari store.
Scaricare un’app per tenere d’occhio il ciclo, è utile non solo alle sbadate che non si ricordano mai quando dovrebbero avere le prossime mestruazioni, ma a tutte, ragazze o donne che siano.
È importante, infatti, tenere traccia della puntualità o dei ritardi, ma anche per individuare eventuali cambiamenti fisiologici e fare quindi prevenzione.

In fondo la tecnologia è fatta per semplificarci la vita, perché non approfittarne? Abbiamo selezionato cinque app, una diversa dall’altra a seconda delle esigenze e tutte disponibili sia su iOS che su Android. Trovate quella che più fa per voi.

Clue – Traccia il tuo ciclo
Dopo aver inserito una serie di informazioni (tra cui durata e la data delle ultime mestruazioni, nascita, altezza, peso), l’app comincerà a tenere traccia del ciclo, con un’interfaccia semplice e minimale. Ogni giorno è inoltre possibile monitorare ogni cambiamento, inserendo umore, stato di pelle e capelli, voglie o fastidi di vario tipo che potrete aggiungere e personalizzare per avere un quadro completo del vostro stato di salute e fertilità.
I dati raccolti possono poi essere esportati su altri cloud o, nel caso abbiate un Apple Watch, essere subito disponibili anche su altri dispositivi.
È disponibile poi una sezione La scienza del ciclo, in cui troverete informazioni scientifiche con tanto di bibliografia. Link Clue – Traccia il tuo ciclo

Flo - Calendario Mestruale
Come Clue, anche quest’app chiederà di inserire alcune informazioni di base iniziali per tracciare un profilo. Importante, poi, indicare per quale motivo avete deciso di scaricarla, se per tenere sotto controllo il ciclo o se perché volete rimanere incinta. In base alla risposta, infatti, cambia il modo in cui l’applicazione traccia le informazioni ricevute e i dati che ne derivano. Nel primo caso si concentrerà solo sulle previsioni relative alle mestruazioni e ai fastidi annessi, nel secondo vi fornirà una previsione accurata dei giorni fertili.
L’interfaccia è semplice, basterà cliccare sul simbolo di aggiunta “+” per avere accesso al menu e registrare i sintomi giornalieri e tutti i parametri che preferite (in questo caso con l’icona a forma di ingranaggio) legati a salute, stile di vita, umore.
Disponibile anche la Modalità gravidanza, dedicata a chi già è in dolce attesa, per tenere traccia di peso, alimentazione e tutti i valori importanti per la salute di mamma e bambino, oltre al conto alla rovescia per la nascita. Link Flo - Calendario Mestruale.

My Pill
Quest’app è indicata per chiunque faccia uso di contraccettivi e voglia essere certa di non dimenticare nulla. In una prima fase basta indicare quale sia il metodo che utilizzate. Se prendete la pillola, per esempio, l’interfaccia sarà a forma di blister, per tenere a mente quante ne avete prese e quante ne mancano, con la possibilità di inserire un promemoria sullo smartphone per ogni giorno e non correre il rischio di saltarne neanche una. Potrete poi aggiungere i vari sintomi legati al ciclo (flusso abbondante, mal di testa, mal di pancia, ecc).
È disponibile anche una versione premium con cui avere delle funzioni in più: posticipare il promemoria finché non avrete preso la pillola, scegliere un suono personalizzato per l’avviso, aggiungere i sintomi attraverso le emoji, impostare una password per proteggere i dati che inserite nell’app. Link My Pill.

Period Tracker
Di quest’app, come di tante altre, esiste una versione Deluxe (a pagamento) e una versione gratuita (Lite). La differenza tra le due è una maggiore possibilità di personalizzazione, specie per quanto riguarda l’interfaccia grafica. Anche in questo caso basterà inserire pochi dati al momento della registrazione, per poi lasciar lavorare l’app su tutto il resto. La schermata principale consente subito di intuire in che fase dell’ovulazione siete, grazie all’immagine di un ramoscello che fiorisce man mano che ci si avvicina al periodo fertile. Il calendario, invece, consente di memorizzare disturbi, peso, umore e altri dettagli. In questo modo l’app indicherà oltre ai giorni in cui è previsto il ciclo, anche grafici e tabelle per monitorare l’andamento del proprio stato di salute, con la possibilità di annotare praticamente tutto, sia prima che durante le mestruazioni.
Nella versione Deluxe potrete assegnare un’icona a ognuno di questi dati e scaricare i grafici e le informazioni per  inviarle al medico in caso di necessità. Link Period Tracker.

iGyno
Last but not least, una delle app tra le più scaricate, ideata da un italiano in omaggio alla madre morta di tumore al seno. Sviluppata in collaborazione con Associazione Europea Ginecologi, questa app, oltre a fare da calendario per il ciclo mestruale, offre diversi spunti per incitare le utilizzatrici alla prevenzione, con reminder sugli esami diagnostici, video dimostrativi su come fare in modo corretto l’autopalpazione al seno e immagini per monitorare i cambiamenti di quest’ultimo da segnalare al medico. iGyno poi permette di inserire fino a 23 tra sintomi fisiologici e stati d’animo e di prevedere, come le altre applicazioni, quando vi arriverà il ciclo, quali sono i giorni fertili e qual è il giorno ideale per eseguire un test di gravidanza. A pagamento è inoltre possibile richiedere consigli e consulti ginecologici a un team di professionisti, nel più totale anonimato, attraverso una chat in cui è garantita risposta entro un’ora.
E per gli uomini più pignoli, è disponibile anche una versione maschile, iGyno for Men, in cui, previa autorizzazione dell’interessata, il vostro partner potrà consultare il calendario e capire di che umore siete (e regolarsi di conseguenza!). Link iGyno.

Credit immagine di copertina: Pexels

Claudia Ricifari

Giornalista, media content creator e divano addicted.