fotogenica

Cosa vedere a Marrakech: i 6 luoghi più instagrammabili della città

Quando siete in viaggio fotografate e condividete tutto? Ecco tutti gli spot che non potete assolutamente perdervi a Marrakech

Valentina Borghi

Diciamocela tutta, ormai la differenza tra “viaggiare per visitare posti nuovi” e “viaggiare per condividere foto” è molto sottile e spesso la seconda modalità prevale sulla prima. Se non vivete senza Instagram e siete alla ricerca di una bella destinazione che possa regalare anche tanti like e condivisioni Marrakech è proprio quello che fa per voi. Oltre ad essere una città di grande fascino, la capitale culturale del Marocco è anche una delle più fotogeniche al mondo.  Seguiteci e vi porteremo nei luoghi più instagrammabili e condivisibili di Marrakech!

Jamaa el Fna / Getty Images

1. Jamaa el Fna
Jamaa el Fna è una delle piazze più belle del mondo e nessun altro luogo in Marocco è in grado di coinvolgere a  tal punto da far desiderare di tornarvi. Durante il giorno è soprattutto una grande piazza con incantatori di serpenti, guaritori che mostrano rimedi, estrattori di denti e bancarelle di street food locale, ma è solo nel tardo pomeriggio che la piazza si anima veramente. Al tramonto la piazza si riempie di cantastorie, acrobati e musicisti. Immortalate il panorama su Jamaa el Fna da uno dei tanti caffè disposti sulle terrazze; la vista migliore è quella del Cafè du Grand Balcon.

Medrasa di Ben Youssef / Getty Images

2. Madrasa di Ben Youssef
Al secondo posto dei luoghi più instagrammabili di Marrakech non potevamo non inserire la Madrasa di Ben Youssef, un’ex scuola coranica annessa alla moschea omonima dove gli studenti venivano per apprendere il Corano. Le pareti della Medrasa hanno la più bella decorazione di tutta Marrakech: piastrelle zelij sui toni del blu e del verde, stucchi e intagli di legno di cedro rappresenteranno lo sfondo perfetto per i vostri selfie.  Un altro must è la foto classica del cortile ma non sarà facile scattarla senza avere nessuno davanti a meno che non decidiate di venire a visitarla all’apertura, di prima mattina. 

Jardin Majorelle / Getty Images

3. Jardin Majorelle
I cactus vanno alla grande su Instagram si sa e quelli che immortalerete in questo giardino botanico creato dal pittore francese Jacques Majorelle e acquistato successivamente dallo stilista Yves Saint Laurent vi possono regalare una pioggia di like. Questo bellissimo giardino infonde una profonda sensazione di tranquillità, sottolineata dai boschetti di bambù, dalle palme nane, dai cactus e dalle vasche coperte di ninfee. Inoltre il cromatismo del verde delle piante e l’indaco del padiglione Art déco, all’interno del giardino, è perfetto per creare delle composizioni fotografiche degne di attenzione.

Museo Yves Saint Laurent / Getty Images

4. Museo Yves Saint Laurent
Pur avendo aperto da pochi mesi, questo museo si è già imposto tra i luoghi acchiappa-like di Marrakech. Gli amanti delle ambientazioni hipster-minimal saranno in brodo di giuggiole di fronte a questa costruzione dalle linee cubiste progettato dagli architetti dello studio KO che richiama il colore della sabbia. Al suo interno scarpe, cappelli, gioielli, vestiti a trapezio, cappotti di lamé, cappe di taffetà con bouganville ricamate e altri capi haute couture disegnati e confezionati dal grande stilista francese e protetti da un sofisticato sistema anti-deterioramento.

Palais de la Bahia / Valentina Borghi

5. Palais de la Bahia
Dal più piccolo angolo del pavimento ai dettagli più alti del soffitto, ogni centimetro quadrato del “Palazzo della Bella” è stato decorato, smaltato, dipinto o rivestito di legni preziosi. Tutto come pegno d’amore del grand visir Ahmed ben Moussa per la sua favorita, la Bahia (la bella), che ci visse con le 4 spose e le 24 concubine del visir. Dopo aver superato la soglia si entra in un patio fresco e verdeggiante, poi in un secondo…e in un terzo, che risuona dal gorgoglio dell’acqua della vasca centrale. Il Palais de la Bahia è un vero e proprio capolavoro di architettura araba e non potrà lasciarvi indifferenti. 

6. Riad
Tra i piaceri che offre Marrakech c’è sicuramente la possibilità di alloggiare in uno dei suoi magnifici riad, le antiche abitazioni nascoste tra i vicoli della medina. Alcuni sono super lussuosi, altri più modesti, ma tutti rispecchiano la personalità del loro patron. Spesso hanno al loro interno un hammam, una piccola piscina o una spa e una terrazza da cui godere magnifiche viste sui tetti di Marrakech. Queste strutture vi faranno vivere un’esperienza da mille e una notte e vi stregheranno; sono accoglienti, discrete e molto curate.

Valentina Borghi

Viaggiatrice compulsiva, travel blogger, food lover