CUTE OVERLOAD

Panda-mania: 10 cose divertenti e un po' assurde da sapere su questi animaloni

Mangiano troppo, dormono di più, hanno qualche abitudine sessuale bizzarra e sanno persino recitare

Dorotea De Spirito

Se esistesse una top ten degli animali più amati del mondo, il panda starebbe quantomeno sul podio. Da sempre fonte d'ispirazione per giocattoli, gadget e grafica, il giant panda è innegabilmente oggetto di simpatia per grandi e piccini. A causa del rischio d'estinzione, i panda sono da decenni sotto la lente d'ingrandimento degli studiosi, che hanno potuto mappare molte delle loro abitudini. Oltre a quelle più conosciute (mangiano un casino!) ce ne sono altre davvero assurde.
Ecco una guida alle 10 cose da sapere su questi giganti batuffoloni di pelo:

1. Panda mangioni
La classica immagine del panda lo vuole intento a rosicchiare bambù, e per questo è curioso sapere che in origine fossero carnivori. È stata l’evoluzione che li ha spinti gradualmente verso una alimentazione vegetariana. Ad oggi i nostri orsacchiottoni passano la maggior parte della loro vita a mangiare bambù—dai 12 ai 36kg ogni giorno—la scelta è ricaduta su questa pianta per la facilità di reperimento nel loro habitat. Casomai fosse stato troppo stancante…
Proprio per soddisfare la fame atavica, le zampe anteriori dei nostri amici sono dotate di un “sesto dito” un cuscinetto carnoso che serve per afferrare i rami della pianta.

2. Ménage à panda
I giganteschi animaloni si riproducono con fatica in cattività.
Per questo, degli scienziati cinesi (evidendentemente disperati), hanno tentato alcune soluzioni poco ortodosse per stimolarli: video di "panda porn" (ovvero filmati di panda che si accoppiano), sex toys per metterli nel mood giusto e persino del Viagra. 
In libertà, tuttavia, il panda sembrerebbe mettere in atto un comportamento del tutto differente, come ha osservato lo zoologo George Schaller. Lo studioso ha potuto assistere a un accoppiamento dal vivo e notare come questo coinvolgesse 3 partecipanti (due esemplari maschi e una femmina). Inoltre, in un lasso di tempo di tre ore, i panda si sono accoppiati ben 48 volte, con una media di una volta ogni tre minuti.

3. Il cugino minore del panda
Non tutti sanno che non c'è solo una tipologia di panda. Il “cugino minore” dei giant panda è chiamato panda rosso o panda minore. In Cina è detto anche “volpe di fuoco”, nome che rispecchia il suo caratteristico colore, le dimensioni ridotte e la somiglianza con volpi e procioni. Potete incontrare il graziosissimo animaletto sull'Himalaya, in una zona temperata compresa tra il Nepal e la catena montuosa cinese Qinling, In india e Buthan. Un'abitudine buffa? Per bere spesso attua un curioso stratagemma: immerge le zampette nell’acqua e poi le lecca. Adorabile!

4. Panda-cacca
Forse anche in virtù del tanto mangiare i panda possono evacuare le loro feci fino a 40 volte in un solo giorno.
Alla faccia dei fermenti lattici... ragazzi, una sola parola: bambù!
All'insegna della sostenibilità, in Cina stanno per essere messi sul mercato dei lussusosi fazzolettini ottenuti dagli escrementi dei panda. Si chiameranno "Panda-poo" e saranno venduti a un prezzo 10 volte maggiore rispetto a quello del corrispettivo cacca-free. La compagnia, che ha firmato un accordo con una grande riserva naturale cinese, produrrà, oltre ai fazzoletti, anche carta igienica e tovaglioli.

5. Panda in incognito
Per passare inosservati e poter svolgere meglio il loro lavoro, gli addetti che si occupano dei panda sono spesso tenuti a indossare dei costumi che riproducono le fattezze degli animali. Ne volete uno, vero?
Tra i vari compiti vi è anche quello di giocare con i cuccioli, preparandoli allo svezzamento, e rotolare con loro nell'erba. Letteralmente!

6. Panda dormiglione … in qualunque posizione
Oltre a trascorrere la metà della sua giornata a mangiare, il panda impiega il resto del tempo dormendo:  fa almeno due pisolini, della durata tra le 2 e le 4 ore ore, tra i pasti principali. Una delle sue caratteristiche più buffe è che il nostro teddy bear formato famiglia è in grado di addormentarsi ovunque e in qualsiasi posizione. Un po’ come noi il lunedì mattina… Tra le sue preferite? Sdraiato sul pancione oppure appallottolato.

7. Do you speak panda
Gli esemplari di panda presenti attualmente in Europa sono 15. Di cui 3 nello zoo di Vienna, una coppia nello zoo di Berlino, una a Madrid, a Edimburgo, in Finlandia, nei Paesi Bassi e nello zoo di Beauval in Francia. Inoltre una coppia di panda cinesi è stata data al Belgio per 15 anni. Una curiosità? Tecnicamente tutti i panda ospiti dei giardini zoologici sono di proprietà della Cina, indipendentemente dalla ubicazione dello zoo. Praticamente è come se fossero dei diplomatici.

8. Cercasi panda-sitter
 Il vostro lavoro vi stressa? Il Centro per la Ricerca e la Protezione dei Panda Giganti, in Cina, cerca dei baby-sitter i cui principali compiti saranno quelli di prendersi cura dei cuccioli di panda e coccolarli. La mansione—che sembra una delle più desiderabili al mondo—richiede pazienza, diligenza e amore, visto che occorre nutrire gli animali, pulirli e controllarli. Non è specificato l'uso di costumi o la somministrazione di particolari video ai panda (vedi sopra) ma sono richieste buone capacità  di scrittura e fotografia. Si viene pagati 200.000 yuan all'anno (circa 32mila dollari). State già facendo la valigia? Pare che per il lavoro si siano candidate più di 100.000 persone!

9. Minuscoli panda baby
Per i primi 100 giorni della sua vita un panda non riceve un nome. Questo perché, anche se non è più nel grembo materno, non è completamente “nato”. Il cucciolo si presenta rosa, con pochissima peluria e con gli occhi ancora chiusi. Un panda neonato pesa circa un etto e non arriva a 20 centimetri. Una dimensione che è appena un 900esimo di quella della madre, che in quanto esemplare adulto arriva a pesare tra i 70 e i 100kg. 

10. Panda in dolce attesa
Ai Hin è un panda gigante del Chengdu Giant Panda Breeding Research Centre, in Cina. Ad un certo punto l’esemplare ha iniziato a mostrare segni di gravidanza e l’evento, abbastanza raro, è stato salutato con entusiasmo e anche pubblicizzato. Peccato che dopo due mesi di osservazioni, gli esperti hanno rilevato un ritorno dei normali valori fisiologici di Ai Hin. La causa probabile? La tesi degli esperti è che Ai Hin—dotata di intelligenza superiore alla media—potrebbe aver appreso i comportamenti delle panda incinte e “finto” lo stato di gravidanza, per ottenere i relativi benefici: una sistemazione migliore e più cibo. 
And the Oscar goes to …

+1. Panda e altri amici a rischio 
Anche se dal 4 settembre 2016 l’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN) ha ufficializzato l’inserimento del panda nella categoria “vulnerabile”, il rischio di estinzione è ancora alto: l'habitat di questi animali si sta rimpicciolendo a causa della distruzione delle foreste, e per loro diventa sempre più difficile trovare germogli di bambù. Il WWF ricorda che solo dal 1970 al 2012 l'azione dell'uomo ha determinato il calo del 58% delle varietà di vertebrati terrestri e marini. E anche se siamo felici che il panda, da sempre simbolo degli animali in difficoltà, se la passi un po’ meglio, sono ben 16 le diverse specie che rischiano di non arrivare al Natale 2018. 

Credit immagine di copertina: Getty Images

Dorotea De Spirito

Una volta da bambina ha iniziato a scrivere, non ha più smesso.