prima tintarella

Dove festeggiare la Pasqua? Al mare!

Un trend vacanziero ormai gettonatissimo è quello della Pasqua da trascorrere al mare. Ecco le mete più papabili per mangiare la colomba sotto l’ombrellone

Camilla Sernagiotto

Natale con i tuoi, Pasqua in spiaggia.
Questa è la legge non scritta ma seguita da tanti, per lo meno da tutti coloro che dopo i bagordi natalizi e le chiacchiere, sfrappole e castagnole di Carnevale non possono più permettersi sgarri alimentari in vista della prova costume, quasi alle porte.
Chi teme che la colomba lo induca in tentazione, scelga pure di trascorrere una Pasqua alternativa: quella altamente salutare da passare in riva al mare.
Lo sciabordio delle onde rilassante, la cucina tipicamente salubre delle località marittime, i piatti a base di pesce che fanno bene sia allo stomaco sia al cuore sia al girovita: ecco alcuni dei punti di forza che il mare può vantare se scelto come scenario pasquale.
I peccati di gola saranno pochi ma buoni, talmente buoni che il vero peccato sarebbe non concederseli; la domenica delle Palme che precede quella pasquale troverà un continuum nella vegetazione esotica (ad esempio quella ligure, piena di palme in stile Miami Beach); il rientro in città sarà salutato con wow di meraviglia da parte di colleghi e amici che schiatteranno d’invidia, alla vista della lieve abbronzatura che il primo sole vi ha donato.

I motivi per puntare sulla Easter on the Beach sono tanti e tutti validi. Non vi rimane che decidere dove andare. Ecco le 10 mete più cool per spalmarsi la crema solare senza rimpiangere quella al mascarpone della colomba:

Baia del Silenzio, Sestri Levante / Getty Images

Liguria, Riviera di Levante
Chi abita a Milano e nelle zone limitrofe può optare per le perle del Tigullio, ossia le località più belle della riviera ligure dalla parte levantina. Portofino, Santa Margherita, Camogli, Rapallo, Sestri Levante e Levanto sono le mete top sia per una giornata mordi-e-fuggi sia per un week-end lungo. Ma nel mordi-e-fuggi deve tassativamente essere compreso il morso della focaccia ligure, altro che colomba pasquale! I viaggiatori gastronomici, quelli che come bussola hanno lo stomaco, optino per Recco, la patria della celeberrima focaccia ripiena di formaggio.

Liguria, Riviera di Ponente
Anche il lato ponentino della Liguria ha il suo perché. In Primavera, poi, è perfetto da vivere appieno. Che sia Arenzano o Varazze, Albissola Marina o Spotorno, il Ponente offre paesaggi mozzafiato nonché tante attività formato famiglia, adatte sia ai grandi sia ai piccini. Per un finale ligure col botto, scegliete Finale Ligure e poi Varigotti, godendovi lo splendore della famosa Baia dei Saraceni.

Riomaggiore, Cinque Terre / Getty Images

Le Cinque Terre
Un’altra parure di perle marittime che l’Italia può orgogliosamente sfoggiare è quella delle Cinque Terre. Siamo ancora in Liguria, più precisamente a Monterosso, Vernazza, Corniglia, Manarola e Riomaggiore. Ma anche Porto Venere e le tre Isole (Palmaria, Tino e Tinetto) non sono certo da buttare via. Il tutto in provincia di La Spezia, dove potrete passare delle vacanze rilassanti ma non solo: anche gli animi rock avranno focaccia per i loro denti, con i tanti locali musicali che spuntano qua e là come funghi. Le Cinque Terre sono terreno fertile per una Pasqua in stile Paura e delirio a Las Pezia.

Forte dei Marmi
Più blasonata ancora rispetto alle perle del Tigullio, Forte dei Marmi è di certo il punto forte della Toscana in. Questa deliziosa cittadina in provincia di Lucca è un fiore all’occhiello dell’intera regione ed è perfetta per trascorrere una Pasqua chic. Addirittura i mercatini ambulanti qui sono di altissimo livello. Per intenderci, ogni banco ha il POS per il Bancomat e la Carte di Credito. Chi non fosse attratto dallo shopping, si goda i panorami mozzafiato e gli scenari incantevoli: quelli sono gratis perché non hanno davvero prezzo

Punto del lazzaretto, Isola del Giglio / Getty Images

Isola del Giglio
A meno di 150 chilometri di distanza da Roma, l’Isola del Giglio è un altro fiore all’occhiello d’Italia. Qui potrete trascorrere una Pasqua rilassante che contempla un’immersione totale nella natura. Per l’immersione subacquea, invece, sarebbe il caso di aspettare ancora qualche mese visto che la temperatura dell’acqua è ancora a rischio congestione di colomba pasquale.

Isola di Ventotene
Anche quest’isola è una meta perfetta per chi si trova in zona romana. Distando meno di 150 chilometri da Formia, è raggiungibile comodamente e senza perdere troppo tempo in trasbordi o, peggio ancora, bloccati nel traffico. Qui le vostre vacanze pasquali avranno una doppia anima: il relax non mancherà all’appello ma nemmeno il divertimento. I party targati Ventotene sono infatti capaci di resuscitare il ventottenne sepolto in noi. Macché 28enne: il 18enne!

Punta della Madonna, Ponza / Getty Images

Ponza
Anche Ponza è una meta top per chi è di base a Roma. A meno di 100 chilometri di distanza dal Caput Mundi, avrete la possibilità di trascorrere una Pasqua alternativa che vi risparmierà un bel po’ di cioccolato ma vi garantirà invece una bella abbronzatura color gianduia. La remise en forme in vista della prova costume ve ne sarà grata. Si sa che agli italiani la prova costume mette più ansia della Maturità.

Tarquinia
Nel cuore della Maremma, a soli 79 chilometri da Roma, Tarquinia è la meta più superba: facile da raggiungere, bella, solare dentro e fuor di metafora, qui potrete godervi tutti gli agii del mare a un tiro di schioppo dalla Capitale. Con le spiagge attrezzatissime che ha, vi garantirà addirittura la possibilità di organizzare il pranzo di Pasqua sotto l’ombrellone e mangiare pure gli avanzi a Pasquetta senza che nulla rovini la vostra pacchia.

Riserva dello Zingaro, Trapani / Getty Images

Trapani e dintorni
Chi può godersi il mare della Sicilia non si lasci scappare l’opportunità di trascorrere a Trapani e nei suoi meravigliosi dintorni le vacanze pasquali. Anche se si tratta della vacanza più beffa della storia del calendario (la Pasqua che cade sempre di domenica sembra una presa in giro, dai!), gli incantevoli posti da cartolina del calibro di San Giuliano, Marausa, Torre di Ligny, Mura di Tramontana, Spiaggia Litoranea e le Isole Egadi vi faranno passare lo sconforto. Ricordiamoci poi che almeno Pasquetta è di lunedì!

Costa Azzurra
Siamo stati patriottici fino ad ora ma come dulcis in fundo ci concediamo una gita un po’ più fuoriporta. Rimaniamo comunque azzurri dentro, scegliendo la Costa Azzurra dei nostri cugini francesi. Nizza, Cannes e Mentone saranno le mete perfette per una Pasqua chic in cui unire mare e città. Nizza è perfetta per godersi entrambe le anime, con lunghe spiagge in cui rilassarsi e dorarsi un po’ per poi inoltrarsi nei meandri della Città Vecchia e fare shopping nei negozietti di profumi provenzali, saponette e tante altre leccornie squisitamente francesi.

Credit immagine di copertina: Getty Images

Camilla Sernagiotto

Giornalista, autrice, filologa e scrittrice. Ma il lavoro più bello rimane quello di mamma di due gemelli