BFF

Leonardo DiCaprio e Kate Winslet: un’amicizia lunga 20 anni

Da film Titanic agli Oscar 2016, storia di una delle amicizie più belle di Hollywood

Valentina Barzaghi

28 febbraio 2016: Dolby Theatre di Los Angeles. È la notte degli Oscar e finalmente, quest’anno, sembra che l’ambita statuetta come Miglior Attore Protagonista andrà a Leonardo DiCaprio per Revenant di Alejandro González Iñárritu. Nessuno questa volta gliela può rubare da sotto il naso, come invece è successo nel 2014, quando tutti lo davano vincitore per The Wolf of Wall Street, ma poi l’Academy aveva preferito Matthew McConaughey per Dallas Buyers Club di Jean-Marc Vallée.

Leonardo DiCaprio ama le modelle. Ha frequentato Kristen Zang (1996-98), Helena Christensen (1998), Amber Valletta (1998: è l’anno di Titanic, quello in cui il giovane Leonardo fa strage di cuori), Eva Herzigova (1998), Gisele Bündchen (2000-2005), Bar Refaeli (2005-2011), Blake Lively (nel 2011, prima che lei incontrasse Ryan Reynolds e DiCaprio altre modelle), Madalina Ghenea (2011), Erin Heatherton (2012), Toni Garrn (2013-14),  Kelly Rohrbach (2015-16), ma questo solo per citare alcune delle sue conquiste “provate”. Eppure per questa serata così importante per la sua carriera, sottobraccio non sceglie di avere né l’ineguagliabile mamma, né una delle sue tante Veneri. Agli Oscar 2016 Leonardo DiCaprio si presenta sul red carpet con l’inseparabile amica Kate Winslet.

Getty Images

I due si sono conosciuti per la prima volta sul set di Titanic nel 1996: lui aveva 22 anni, lei 21. Jack e Rose, diventati poi gli idoli per milioni di teenager in tutto il mondo, nonché una delle coppie più iconografiche della storia del cinema. «Salti tu, salto io» è la frase emblema della loro commovente storia d’amore sul grande schermo. Da sempre, i loro fan sognano di vederli insieme, prima o poi, anche nella vita reale. «State insieme?» chiedono i giornalisti già dal primo red carpet che nel 1998 cavalcano mano nella mano per Titanic ai Golden Globe. Lui è in uno smoking troppo grande per la sua mini-corporatura di allora; lei sembra appena uscita da una messa gotica. «Siamo venuti insieme» risponde lui stupito. E poi alle richieste di saperne qualcosa di più aggiunge solo «Siamo amici, buoni amici».

È breve il lasso di tempo successivo in cui Titanic da ottimo blockbuster diventa un un fenomeno di massa, nonché il primo film a incassare più un miliardo di dollari. I due giovani ragazzi si trovano investiti da una travolgente ondata di notorietà e fanatismo da cui preservarsi sostenendosi a vicenda, ma anche da cavalcare. Oggi possiamo dire senza dubbio che ci sono riusciti al meglio dei loro rispettivi talenti, visto che sono tra gli attori hollywoodiani più celebri del nostro tempo, oltre che tra quelli più osannati dalla critica. Le loro vite private, invece, sono state un po’ più tormentate, tra amori e relazioni non stabili, che però non li hanno mai portati l’uno nelle braccia dell’altra. Leonardo DiCaprio e Kate Winslet hanno semplicemente un forte legame d’amicizia e stima professionale che dura da vent’anni.

Nel post-Titanic, Kate Winslet si è sposata tre volte: con Jim Threapleton dal 1998 al 2001, con il regista Sam Mendes dal 2003 al 2011 e con Ned Rocknroll dal 2012 a oggi. Da ciascuna relazione ha avuto un figlio. Alle sue ultime nozze, è stato proprio DiCaprio a portarla all’altare. Tra tutti i personaggi femminili che ha interpretato negli ultimi vent’anni, quelli memorabili sono Clementine in Eternal Sunshine of the Spotless Mind di Michel Gondry (2004) e Hanna Schmitz in The Reader - A voce alta di Stephen Daldry (2009). Per quest’ultimo ruolo ha vinto sia un Oscar sia un Golden Globe nel 2009, anno che l’ha vista anche tornare sul set con Leonardo DiCaprio per Revolutionary Road, l’intenso film diretto da Sam Mendes (a quel tempo marito della Winslet), tratto dal romanzo di Richard Yates. 

Grazie a quest’ulteriore titolo, la Winslet nel 2009 è riuscita a fare doppietta ai Globe, dove è stata premiata anche come Migliore Attrice in un film drammatico. Quando Kate è salita sul palco, dopo i ringraziamenti di rito, ha avuto occhi e parole solo per la sua co-star: «Leo, I’m so happy I can stand here and tell you how much I love you and how much I’ve loved you for 13 years, and your performance in this film is nothing short of spectacular. I love you with all my heart, I really do» (Leo, sono così felice di essere qui e di poterti dire quanto ti voglio bene e questo ti ho voluto bene per 13 anni, e che la tua performance in questo film è nientemeno che spettacolare. Ti amo con tutto il mio cuore, davvero), dice mentre DiCaprio con gli occhi lucidi le manda baci affettuosi dalla platea.

Leonardo DiCaprio invece non si è sposato e non ha avuto figli. Ama le modelle bionde e le denunce ambientali. La sua Leonardo DiCaprio Foundation promuove decine di cause legate al Pianeta, su cui l’attore non manca di fare anche un lavoro di approfondimento e denuncia finanziando, attraverso la Appian Way, sua casa di produzione, documentari come Before The Flood - Punto di non ritorno, sul surriscaldamento globale. Leonardo DiCaprio è stato l’attore feticcio di Martin Scorsese, che lo ha diretto in film come Prova a prendermi, Gangs of New York, The Aviator, The Departed, Shutter Island e The Wolf of Wall Street, oltre che protagonista per registi cult come Woody Allen, Ridley Scott, Danny Boyle, Edward Zwick, Baz Luhrmann e Quentin Tarantino (con cui attualmente sembra in trattative per #9, il film ispirato agli omicidi commessi dalla setta di Charles Manson). Nonostante sia riconosciutamene tra i migliori interpreti in circolazione – tant’è che è stato candidato una volta come Miglior Attore Non protagonista (Buon compleanno Mr. Grape) e quattro come Protagonista (The Aviator, Blood Diamond, The Wolf of Wall Street, Revenant) agli Academy Awards – è riuscito, a oggi, ad aggiudicarsi un solo “sudatissimo” Oscar. Nel 2016. E così torniamo a quella fatidica notte che ce li ha fatti scoprire amici, davvero così uniti.

Getty Images

Nel 2016 i due avevano già iniziato a far parlare di sé ai Golden Globe, dove lui si era aggiudicato il premio come Migliore Attore in un film drammatico sempre per Revenant e lei quello come Miglior attrice non protagonista per Steve Jobs. Tra baci, abbracci e risate, sui social era rinata la #leoandkate mania, poi esplosa ufficialmente la fatidica notte degli Oscar quando, mentre lui ritirava l’agognata statuetta, lei tra il pubblico lo guardava emozionata come nemmeno un’innamorata al secondo appuntamento sarebbe mai riuscita. 

Getty Images

Leonardo DiCaprio e Kate Winslet: una coppia di attori legata non solo dall’immortalità del grande schermo, ma anche dalla stupenda storia amicizia che hanno nelle loro vite private. Molti pensano, in verità, che qualche tresca da giovani l’abbiano avuta, anche se lei è perentoria nel negare sostenendo di essere un cavallo troppo matto per lui. Noi no. A noi piace pensare che, in un momento così difficile per la loro formazione come quello post-Titanic, in cui gli è scoppiata tra le mani una bomba di notorietà potenzialmente molto pericolosa, i due siano riusciti a gestirla proprio grazie a quel sostegno reciproco che ancora oggi li lega in modo così profondo e puro.

Credit immagine di copertina: Getty Images

Valentina Barzaghi

Giornalista di cultura, più o meno pop.