VITE EXTRAORDINARIE

Ilka Brühl, sconfiggere le proprie insicurezze grazie alla moda

La storia della modella tedesca affetta da displasia ectodermica, che ha superato la sua scarsa autostima posando di fronte a un obiettivo. E adesso ispira oltre 25 mila followers sui social

Stefano Padoan

Ilka Brühl ha 26 anni, viene dalla Germania e ama disegnare. Segni particolari: occhi grandi, fluenti capelli rossi e bellissime lentiggini. Una descrizione che appare banale, ma che per lei rappresenta una grande conquista: il mondo adesso la guarda con occhi diversi, non come quando da bambina veniva presa in giro per via del suo aspetto fisico.

"Mentre andavo al primo shooting sono stata più volte sul punto di tornare indietro. Ero terrorizzata dall’idea che avrebbe potuto ridere di me non appena mi avesse vista"

Ilka infatti durante l’infanzia ha dovuto lottare contro i bulli e la bassa autostima a causa della malattia che la accompagna fin dalla nascita: la displasia ectodermica, un raro disturbo genetico che ha stravolto il suo viso (lo stesso da cui è affetta un'altra modella, Melanie Gaydos). Da piccola ha subito 10 interventi chirurgici per rimediare alla schisi facciale, alla malformazione del setto nasale e all’assenza del dotto lacrimale destro, che le causava una costante umidità dell’occhio, come se stesse sempre piangendo.

Un post condiviso da Ilka Brühl (@ilkabruehl) in data:

Oggi però la ragazza ha coronato il suo sogno: è una modella, e lo deve ai suoi amici che nel novembre del 2014 la spinsero a posare per una fotografa, Ines Rehberger. "Mentre andavo al primo shooting sono stata più volte sul punto di tornare indietro. Ero terrorizzata dall’idea che avrebbe potuto ridere di me non appena mi avesse vista" confida Ilka sul suo sito. Poi però è cambiato tutto: "Stare di fronte alla telecamera mi ha illuminata: ogni difetto, ogni imperfezione sono parte di te, e va bene così. Devi solo valorizzarli al massimo".

Ilka Brühl - Photo credit: Timo Barwitzki

Ilka si rese conto che la prima a non volersi bene era lei, e che il mondo era pronto ad accettarla più di quanto non pensasse. Da quella rivelazione, per Ilka i progetti fotografici sono stati una sorta di terapia, ogni scatto un passo verso l’accettazione di sé. E ora la ragazza lancia il suo messaggio agli oltre 25 mila followers tra Instagram e Facebook: "C’è solo un modo per essere brutti: avere un carattere brutto, nessuno deve nascondersi a causa del suo aspetto. Ogni essere umano è bellissimo e tutti meritano una vita felice. La vita è troppo breve per farsi bloccare dall’insicurezza".

Ilka Brühl - Photo credit: Agata Serge Photography

Credit immagine di copertina: Ines Rehberger

RealTime

Stile impeccabile, sfide all'ultimo dolce e tante storie da raccontare: entrate a far parte del mondo Real Time! Siamo sul Canale 31 del DTT e 131 di Sky.